Virtualizzazione ed Alta Disponibilità – Cloud

Virtual_Res


Le innovazioni tecnologiche recentemente introdotte portano verso sistemi via via più complessi. La C.I.S. One vanta esperienza nella progettazione, creazione e gestione, talvolta ante litteram, di:


  • server virtuali;
  • cluster di applicazioni in alta disponibiltà;
  • cluster di applicazioni in bilanciamento di carico;
  • cluster di sistemi virtuali;
  • cluster geografici;
  • cloud: virtualizzazione remota di applicazioni su sistemi di server in alta disponibilità distribuiti geograficamente.

UN PO' DI CHIAREZZA
La Tecnologia evolve, si riinventa, ma non si genera dal nulla. Ciò che viene venduto oggi come la panacea di tutti i mali, non è altro che l'evoluzione di soluzioni già presenti sul mercato da anni, magari con altro nome, con maggiori limitazioni.


VIRTUALIZZAZIONE
Qualche anno fa con l'aumentare della potenza di calcolo dei PC si è sviluppata una tecnologia che permette ai computer di far "girare" più di un sistema operativo contemporaneamente. I sistemi operativi ospiti funzionano su HD che sono in realtà files e su hardware simulato. Il loro insieme è una macchina virtuale.
I primi motori di virtualizzazione erano utilizzati per test e dimostrazioni, ma quando si sono resi disponibili motori per server si è iniziato a dare alle macchine virtuali compiti in ambito produttivo. Si sono poi sviluppati motori di virtualizzazione come sistemi operativi da installare direttamente su macchine vuote. Ecco la bare metal virtualization.


Lo scopo attuale dei sistemi di pura virtualizzazione è il consolidamento, cioè la sostituzione di diversi PC e server obsoleti installati in giro per le aziende, con un unico server su cui sono ospitate un numero equivalente di macchine virtuali, ottenute spesso da una "immagine" di quelle preesistenti.
Significa ordine, risparmio energetico, applicare nuove tecnologie ad applicativi "storici ed intoccabili".


CLUSTERIZZAZIONE
Consiste nel raggruppare risorse per adempiere ad un unico scopo. Esistono cluster di applicativi, di processori, di macchine, ecc. Per i nostri scopi parleremo di cluster di applicazioni di due tipi.


Cluster di Applicazioni in Alta Disponibilità.
Sono gruppi di server (gruppi di nodi) configurati per ospitare il medesimo applicativo. Si basano sull'accesso condiviso ad unità disco, mentre gli applicativi, durante l'esecuzione, sono mantenuti identici in aree di memoria sincronizzate. In caso di guasto o manutenzione di un nodo, un altro è pronto ad ospitare l'applicativo, che continua a funzionare. Sono cioè sistemi ad alta disponibilità.
Nulla vieta che l'applicazione clusterizzata sia un motore di virtualizzazione.


Cluster di Applicazioni in Bilanciamento di Carico.
I nodi di cui sopra si distribuiscono le richieste di elaborazione che arrivano ad un determinato servizio (Web, FTP, etc.) permettendo a più nodi contemporaneamente di elaborare in parallelo grossi flussi di carico.
Nulla vieta che l'applicazione clusterizzata sia un servizio di un motore di virtualizzazione.


Lo scopo tradizionale della clusterizzazione è superare i limiti della singola macchina. Sia in termini di potenza che di fallibilità. E' ciò che sottosta alle applicazioni mission critical. La base dei sistemi scalabili.


ACCESSO REMOTO
Qui giusto un rimando per rendere chiaro il proseguo. Si tratta di una tecnologia che permette di utilizzare il nostro PC, reale o virtuale, in azienda da un altro PC attraverso la rete. Nelle sue ultime implementazioni permette la remotizzazione di singole applicazioni, che, lato utente, funzionano come se installate nel PC da cui ci si collega.


DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA
Un sistema clusterizzato che ha i nodi installati in diverse sedi si dice geografico. La sincronizzazione dei dati condivisi tra una sede e l'altra, può essere fatta in maniera istantanea o con un delay temporale, in base alla qualità della linea di interconnessione.


Lo scopo di una distribuzione geografica è quello di evitare che grossi guasti o cataclismi che interessino una particolare regione geografica mettano fuori linea applicazioni realmente mission critical. Quelle il cui fermo genera danni tali da essere assoltamente evitato.


CLOUDS
Quando la clusterizzazione è a livello applicativo e geografico, e tanto distribuita da non risentire teoricamente di cataclismi localizzati. Quando il numero dei server o la distribuzione dei carichi di lavoro è non noto o ininfluente si parla di Cloud. Il cloud distribuisce le richieste di risorse su quanti più nodi remoti possibile, in base a logiche di carico, di efficienza della rete e di disponibilità.


Lo scopo di un Cloud è ottimizzare gli investimenti generando cluster geografici la cui potenza di calcolo sia realmente sfruttata. E' accentrata in server farm e ridistribuita al bisogno sui vari utilizzatori. E' scalabile sul numero, ma non sui picchi di potenza dei singoli utenti. In altre parole soddisfa le necessità di n utilizzatori medi di applicativi canonici. Trova il suo limite nel soddisfare chi ha bisogno di grande potenza di calcolo o di pesanti elaborazioni grafiche.
Esistono servizi cloud in outsourcing he ricevo dietro pagamento di un canone. Questa è una soluzione per le grandi imprese. Esistono anche qui limitazioni.


Ricordo, per inciso, che la normativa attuale obbliga alla conservazione dei dati sul strong>solo territorio italiano.


"...evoluzione. Non è adatta a tutte le fattispecie. Alcune volte una tecnologia risolve, altre è inapplicabile. Dipende fondamentalmente dalla tipologia di carico cui è sottoposto ciascun servizio..."

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei suddetti cookies visita le impostazioni.
Se accetti, chiudi questo banner o prosegui la navigazione acconsenti all'uso dei cookies

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi